10 LIBRI PER BAMBINI E RAGAZZI

La produzione di libri per bambini e ragazzi è molto ricca, e non è sempre facile orientarsi. Spesso sembra difficile riuscire a trovare i giusti libri da regalare a un bambino o a un adolescente ma, i libri per bambini e ragazzi da leggere sicuramente non mancano

Questo elenco, in cui i titoli sono in ordine di età, non ha la pretesa di essere esaustivo e potrà essere utile anche per chi non è più un giovane lettore: in fondo si sa che i libri per bambini e ragazzi non hanno età e che possono rivelarsi letture sorprendenti anche per i più grandi.

Libri per bambini dai 2 ai 5 anni

Bruco verde, Giovanna Mantegazza e Giorgio Vanetti

Libri per bambini brucoverde

Le mutande di Orso Bianco, Tupera Tupera

Libri bambini mutande

L’incredibile avventura dei 10 calzini fuggiti, Justyna Bednarek e Daniel de Latour

Libri bambini calzini

Libri per bambini dai 6 agli 8 anni

A Susanna piace il rosso, Michel Pastoureau

Libri bambini Pastoureau

Il grande libro degli animali in via d’estinzione per bambini che vogliono salvare il mondo, Millie Marotta

Libri bambini Marotta

I tacchini non ringraziano, Andrea Camilleri

Libri bambini Camilleri

Libri per bambini dai 10 anni in sù

Nebbia, Marta Palazzesi

Libri bambini Palazzesi

Queste oscure materie, Philip Pullman

Libri bambini Pullman

Al di là del mare, Lauren Wolk

Libri bambini Wolk

Solo una parola. Una storia al tempo delle leggi razziali, Matteo Corradini

Libri bambini Corradini

BUONA LETTURA

I 10 GIOCHI DA TAVOLO PIU’ BELLI DI SEMPRE

Monopoly, Risiko, Cluedo: questi sono solo alcuni dei migliori giochi da tavolo di sempre, con cui tutti, almeno una volta nella vita, hanno giocato. Nonostante con l’avanzare della tecnologia vengano lanciati sul mercato continuamente nuovi videogame, i giochi da tavolo famosi resteranno sempre il modo migliore per divertirsi in compagnia.

Ecco quali sono, secondo me, i più belli di sempre:

Monopoly

Al primo posto dei migliori giochi da tavolo classici ovviamente non poteva che esserci il Monopoly, il gioco di contrattazione più famoso del mondo! Come probabilmente già sapete, lo scopo del gioco è diventare monopolista e mandare in bancarotta tutti gli altri giocatori. Tra l’acquisto di terreni, stazioni o società, imprevisti e probabilità costruzione di case e alberghi, la sfida si fa sempre più avvincente. Vince chi riesce ad amministrare al meglio le sue finanze.

Risiko

Risiko è il classico gioco da tavolo per chi ama la strategia, diventato ormai un cult in tutto il mondo. La nuova versione ha un formato più compatto, una veste grafica più accattivante e la variante di gioco “Time Attack”, per partite più veloci, della durata massima di un’ora. Inoltre, la confezione contiene le regole ufficiali da torneo, cioè quelle usate nei Campionati Italiani, e la lista completa dei Club Risiko in Italia

Cluedo

Cluedo è il gioco migliore di sempre per gli aspiranti detective. Lo scopo è scoprire per primo chi è l’autore dell’efferato omicidio avvenuto in un’antica residenza inglese, in quale locale della casa e con quale arma. Nel corso del gioco, esplorando le varie stanze e interrogando gli altri giocatori, bisogna raccogliere indizi per escludere i vari sospettati. La soluzione del delitto è nascosta nella busta posta al centro del tabellone. È stato professor Plum o l’avvocato Mr. White? Oppure forse è stata Scarlet, l’attrice? Per scoprirlo, non vi resta che giocare!

Scarabeo

Scarabeo per molti è sinonimo di “gioco di parole in scatola”. Le regole sono molto semplici: i giocatori devono comporre sulla griglia parole di senso compiuto, usando nel modo migliore gli incroci di parole e le caselle speciali. Ovviamente, per vincere bisogna avere un’ottima conoscenza del vocabolario italiano e una buona dose di intuito. Oggi il gioco è disponibile in una nuova veste grafica, ricca di dettagli curatissimi, come le tessere in legno.

Il gioco dell’oca

Il Gioco dell’Oca è un grande classico dei giochi da tavolo, un evergreen che ancora oggi piace a grandi e piccoli. Giocare è semplicissimo: inizia il giocatore più giovane, il quale deve lanciare i dadi e muovere la pedina a forma di oca di legno di un numero di caselle pari alla somma data dai dadi. Quando si arriva sulle caselle con le oche, ci si sposta in avanti di tante caselle quante sono quelle ottenute con il lancio dei dati. Chi arriva per primo al traguardo vince.

Jumanji

Chi non ha mai desiderato giocare in prima persona al gioco da tavolo di Jumanji, lo stesso a cui giocavano i protagonisti dell’omonimo film degli anni ’90? Lo scopo è raggiungere per primi il centro del tabellone, che riproduce fedelmente quello visto nel film smarcando il rinoceronte e decifrando i messaggi segreti scritti sulle carte. Attenzione: se iniziate a giocare dovete finire, anche se gli effetti della partita purtroppo non sono sconvolgenti come nel film!

Uno

Anche se non è un gioco da tavolo, ma un gioco di carte, Uno è un classico che non possiamo non citare! Per vincere, i giocatori a turno devono scartare le proprie carte, abbinandole per colore o per numero alla carta scoperta che si trova in cima al mazzo. Le carte azione speciali sono quelle che rendono il gioco movimentato e aiutano a eliminare gli avversari. Se non c’è una carta da abbinare, bisogna pescarne una dal mazzo. Quando rimane una sola carta in mano, bisogna gridare subito “Uno”. Il primo giocatore che totalizza 500 punti vince.

Indovina chi?

Intere generazioni sono cresciute giocando a Indovina Chi! Si tratta di un gioco di intuizione, al quale si gioca solamente in due. Lo scopo è indovinare qual è il personaggio misterioso scelto dall’avversario, ponendogli domande che permettano di abbassare il maggior numero di le caselle e di escludere quindi una serie di personaggi. Vince chi indovina per primo il personaggio dell’altro giocatore.

L’allegro chirurgo

L’Allegro Chirurgo è un gioco in scatola famosissimo in tutto il mondo, amato da grandi e piccoli aspiranti dottori! Giocare è molto semplice: a turno ogni giocatore pesca una carta, impugna le pinzette chirurgiche e prova a estrarre dal corpo del malato la parte indicata, senza far accendere il nasone rosso, che si illumina e ronza appena si sfiorano i bordi metallici delle cavità che contengono le varie parti del corpo. Il gioco finisce quando tutti i disturbi sono stati eliminati e vince il giocatore che ne ha eliminati di più.

Saltinmente

Anche Saltinmente è un gioco di parole, simile al famoso “nomi, cose e città” a cui tutti abbiamo giocato ai tempi della scuola. Lanciato il dado con le lettere, tutti i giocatori devono scrivere nomi con la lettera uscita che rientrino nelle varie categorie. Più le risposte sono creative, più sarà alto il punteggio. Vince chi ottiene il punteggio più alto di tutti.

Ho selezionato quelli che, secondo me, sono i 10 giochi da tavolo migliori di sempre, scegliendoli tra quelli più venduti nel mondo, più premiati e meglio recensiti dagli appassionati che li hanno acquistati negli anni. Ovviamente, ce ne sono anche altri validi, sia tra i giochi classici, sia tra le nuove uscite. Buon divertimento.

LO YOGA PER BAMBINI

Lo yoga per bambini permette di lavorare sulle emozioni, a risvegliare i muscoli in modo leggero e a entrare in contatto con il proprio corpo. A dirlo è Aurora Jamuna De Simoniarteterapeuta e insegnante per bambini e adulti di EduYoga e Amrita Yoga.

Con l’inizio dell’emergenza coronavirus, ha allargato via web a tutta l’Italia le sue lezioni pensate per essere seguite dal salotto, interagendo direttamente con i più piccoli che trovano così un momento di condivisione e socialità seppur attraverso uno schermo. Di seguito il link della sua pagina facebook https://www.facebook.com/eduyoga.it/videos/yoga-di-pasqua-con-aurora-jamuna/556073205029845/?__so__=permalink&__rv__=related_videos

Giochiamo allo yoga, invece è il libro che ha scritto Claudia Porta con i disegni di Sophie Fatus per spiegare come ci si può divertire praticando in famiglia, tutti insieme, lo yoga come se fosse un gioco. Dal testo illustrato si imparano le posizioni principali: il gatto, la farfalla, il leone, la montagna, il guerriero. Anche per Claudia Porta è possibile vedere le sue lezione su YouTube. https://www.youtube.com/watch?v=9ipSXTu3Mgs

“Questa è una ginnastica che rende flessibile il corpo e la mente”, conclude Claudia Porta, “sviluppa la pazienza, la concentrazione e la coordinazione. Sono tanti i ragazzi – soprattutto gli adolescenti – che malgrado pratichino sport non sono ben coordinati”.

SELFIE PERFETTO

Il selfie perfetto è possibile, ma non immediato perlomeno senza mettere in atto qualche accortezza e con qualche trucco indispensabile. Vediamo come fare copiando i trucchi delle star e delle influencer.

Tutti abbiamo un profilo migliore dell’altro. Dunque sta a voi capire quale sia il vostro. Come? Basta provare. Scattatevi una foto da un lato e dall’altro: quale vi piace di più?

La posizione che funziona meglio è: viso leggermente di profilo e cellulare più in alto degli occhi. In questo modo gli occhi sembrano più grandi.

Gli smartphone sono dotati di due fotocamere, una sopra lo schermo, una sul retro. Nonostante sia più comodo utilizzare la prima, non sempre questa si rivela una scelta azzeccata. Quella sul retro, infatti, non solo ha sempre una risoluzione migliore, ma è anche meno deformante. Allenatevi per capire come ruotare il telefono per centrarvi, ma concedetevi la fotocamera principale. 

Cercate la luce giusta prima dello scatto. La luce perfetta è quella che vi arriva sul volto senza creare ombre sotto in naso o gli occhi.

Prima di caricare la foto sui social network, ricordatevi sempre di controllare bene che tutto sia a posto: l’espressione del viso, i colori, i dettagli sullo sfondo.

MANDALA

Mandala è un termine molto antico che intende indicare un oggetto sacro, di forma rotonda, specialmente se riferito al Sole o alla Luna.

Nella religione induista e buddista il termine mandala indica la rappresentazione geometrica avente lo scopo di coinvolgere l’intero Universo nell’atto rituale.

I mandala tradizionali vengono realizzati con sabbia colorata partendo dal centro per spostarsi verso l’esterno. A lavoro ultimato vengono distrutti perchè nulla dura per sempre.

Nel nostro caso sono sufficienti pastelli, pennarelli, tempere, a seconda di quello che abbiamo a casa o in base ai nostri gusti personali. Sul Web ci sono moltissimi disegni in bianco e nero pronti per essere stampati. Di seguito ne troverete qualcuno

Non ci resta che rimettere fuori i colori e iniziare a divertirci

ALTARE DELLA REPOSIZIONE

L’Altare della Reposizione, popolarmente e impropriamente detto Sepolcro, è il luogo in cui viene riposta e conservata l’Eucarestia al termine della Messa del Giovedì Santo.

Le Sacre Specie vengono riposte in un luogo che non coincide con l’altare dove è consueto riporre il SS. Sacramento. E’ tradizione che questi altari siano addobbati con composizioni floreali o altri simboli.

Tra questi è molto popolare utilizzare delle ciotole sul cui fondo, il primo giorno di Quaresima, vengono posti dell’ovatta e dei semi di grano con la lenticchia. Successivamente vengono conservate al buio e annaffiate per far germogliare i semi. Il giorno del Giovedì Santo i semi si presenteranno in forma di fitti filamenti.

L’Altare della Reposizione rimane allestito fino al pomeriggio del Venerdì Santo, quando si celebra la Passione del Signore.