900 IN ITALIA. DA DE CHIRICO A FONTANA

Sarà inaugurata il 14 giugno alle ore 19.30 la mostra “900 in Italia da De Chirico a Fontana”.

La mostra curata da Luca Barsi e Lorenzo Madaro, attraversa un secolo di arte passando dalla metafisica alla Pop Art, dall’arte povera alla transavanguardia.

Le sale espositive del Castello saranno al centro di un ambizioso progetto che si propone ad un vasto pubblico.

Infatti sarà possibile consultare un apparato didattico che consentirà a tutti i visitatori di immergersi nelle opere con più consapevolezza.

INFO:

Piazza Castello – Otranto  (dal 14/06 al 21/10)

Tel: 0836210094

 

Nespresso e il caffè alla salentina

Nespresso lancia una nuova linea di capsule ispirandosi al salento.

Con la campagna pubblicitaria “Reinventa la tua estate”, il famoso marchio si presenta sul mercato con la capsula Caffè alla Salentina.

Richiamando la tradizione salentina, la miscela proposta ha un gusto intenso ed equilibrato.

Ovviamente prima di fare il caffè, bisogna preparare il bicchiere con i cubetti di ghiaccio e il latte di mandorla.

Ringrazio la Nespresso per questo gustoso riconoscimento, ma il mio consiglio è di venire a gustarlo direttamente sul posto.

Bicchiere in mano ammirando il mare è uno spettacolo che non ha prezzo.

BORGO IN FESTA

Borgo in festa a Borgagne .

Dal 1 al 3 giugno 2018 nella bellissima frazione di Melendugno si svolgerà un festival ricco di sorprese.

Nel centro storico del borgo e nelle corti circostanti, potrete ammirare mercatini, laboratori, installazioni artistiche e tanto altro.

La piazza farà da cornice alla tradizione culinaria e allo spettacolo della pizzica.

1 – 2 – 3 giugno andate alla scoperta del borgo antico per un’imperdibile festa.

Tutti i dettagli del programma su:

https://www.borgoinfesta.com/

CORTILI APERTI LECCE 2018

Torna a Lecce l’evento Cortili Aperti.

Sabato 26 e Domenica 27 maggio sarà possibile ammirare la bellezza dei palazzi storici leccesi, grazie all’iniziativa voluta dall’associazione ADSI (Associazione Dimore Storiche Italiane).

L’evento rientra nelle attività che celebrano l’Anno Europeo del Patrimonio Culturale istituito dall’Unione Europea.

I Palazzi che aderiscono, con gli orari di apertura, sono i seguenti:

Sabato 26 maggio dalle ore 18:00 alle ore 21:00 e domenica 27 maggio dalle ore 10:00 alle ore 13:00 e dalle ore 16:30 alle ore 21:00

 

  • Palazzo Personè – Lecce
  • Palazzo Casotti – Lecce
  • Palazzo Adorno – Lecce
  • Palazzo Bozzi Corso – Lecce
  • Palazzo Maremonte – Lecce
  • Casa a Corte – Lecce
  • Palazzo Fiermonte – Lecce
  • Casa a Corte Protonobilissimo – Lecce
  • Palazzo Chillino – Lecce
  • Palazzo Guido – Lecce
  • Palazzo Gorgoni – Lecce
  • Palazzo Martirano – Lecce
  • Chiesa Di San Leucio – Lecce
  • Palazzo Tinelli – Lecce
  • Dimora Muratore (Villa Rosaria) – Lecce
  • Palazzo Palmieri – Lecce
  • Palazzo Apostolico Orsini – Lecce
  • Palazzo Ferrante Gravili – Lecce
  • Palazzo del Seminario – Lecce
  • Palazzo Rollo – Lecce
  • Palazzo Palombi – Lecce
  • Palazzo Andretta – Lecce
  • Palazzo Brunetti – Lecce
  • Palazzo Bernardini – Lecce
  • Palazzo Morsico D’Arpe – Lecce
  • Palazzo Lecciso – Lecce
  • Palazzo Castromediano Vernazza – Lecce
  • Palazzo Grassi – Lecce

Qui la brochure con la mappa e una breve storia delle dimore storiche

http://www.adsi.it/wp-content/uploads/2018/05/Qui-La-Brochure-di-Lecce.pdf

Alcune immagini della passata edizione

 

ROBERTO LEONE COLPISCE ANCORA

Roberto Leone colpisce ancora e grazie alla sua abilità di regista ci regala un’altra bellissima immagine.

Dopo l’isola del cuore, scovata di fronte alla costa ionica, questa volta è l’adriatico a fare da cornice al tesoro sconosciuto. Utilizzando un drone, Roberto Leone ha sorvolato la caletta del Toraiello e protetta da verdi arbusti si nasconde una piscina naturale strepitosa.

Un nuovo incanto da aggiungere alla collezione delle meraviglie salentine.

L’OLIMPIADE ABBRACCIA LA PIZZICA

L’Olimpiade abbraccia la pizzica nel recentissimo evento svoltosi in Corea del Sud.

Una delegazione dell’Orchestra Popolare La Notte della Taranta, ha raccontato al grande pubblico delle olimpiadi, la cultura salentina e la sua affascinate tradizione popolare.

Due i concerti effettuati dagli artisti salentini: uno a Pyeongchang all’interno dell’Olympic Festival Park e l’altro a Seul nella biblioteca Starfield, il centro di aggregazione culturale più importante della metropoli.

La partecipazione de “La Notte della Taranta” è stata possibile grazie all’attività dell’istituto italiano di cultura a Seul.

Per un piccolo contributo potete vedere il video pubblicato da “La Repubblica”:

https://video.repubblica.it/edizione/bari/la-corea-del-sud-pazza-per-la-taranta-la-pizzica-alle-olimpiadi-invernali/298019/298640?ref=RHRD-BS-I0-C6-P1-S4.6-T1

 

L’INSOLITA PAUSA DEL FENICOTTERO ROSA

L’insolita pausa del fenicottero rosa sulla spiaggia di Torre dell’Orso, ha regalato uno spettacolo incantevole.

Colto alla perfezione del fotografo Cosimo Trono, il simpatico volatile ha “sgambettato” per qualche minuto sulla battigia della spiaggia salentina.

I fenicotteri rosa in Italia sono presenti in Sardegna dove giungono per svernare e forse anche nel mondo animale si sarà diffusa la voce di quanto sia bello il Salento.

“Andiamo a dare un’occhiata” avrà pensato, magari l’estate 2018 verranno a trascorrerla nell’affascinante baia di Torre dell’Orso.

 

MAX GAZZE’ CANTA LA PUGLIA

Max Gazzè canta la Puglia con il suo brano presentato al 68° Festival di Sanremo.

La canzone, dal titolo “La leggenda di Cristalda e Pizzomunno”, racconta la storia di un enorme monolite sulla spiaggia di Vieste chiamato appunto Pizzomunno.

La leggenda narra di un amore tra due giovani, Pizzomunno e Cristalda.

Lui, pescatore, affrontava ogni giorno il mare e puntualmente le sirene emergevano per dedicargli dolci canti e per offrirgli l’immortalità in cambio di diventare loro re e amante. L’amore che il giovane riservava per Cristalda, però, rendeva vane le offerte delle sirene.

Una sera in cui i due giovani si trovavano sulla spiaggia, le sirene aggredirono Cristalda, trascinandola nelle profondità del mare. Pizzomunno rincorse invano la voce dell’amata. Il giorno dopo i pescatori lo ritrovarono pietrificato dal dolore nello scoglio che oggi porta il suo nome.

Si dice che ancora oggi, ogni cento anni, la bella Cristalda raggiunga il suo amante per rivivere per una sola notte il loro antico amore.

Questo il testo della bellissima canzone e con il link per ascoltarla:

https://www.youtube.com/watch?v=WRgxeA3wAh8

Tu che ora 
Non temi, 
Ignorane 
Il canto…
Quel coro ammaliante 
Che irrompe alla mente 
E per quanto
Mulini 
Le braccia oramai
Non potrai  
Far più niente.  
Ma se ti rilassi
E abbandoni
Il tuo viso 
A un lunghissimo 
Sonno, 
O mio Pizzomunno,
Tu guarda 
Quell’onda 
Beffarda
Che affonda 
Il tuo amore indifeso.    
Io ti resterò 
Per la vita fedele
E se fossero
Pochi, anche altri cent’anni!
Così addolcirai gli inganni
Delle tue sirene…            
Cristalda era bella
E lui da lontano 
Poteva vederla 
Ancora così 
Con la mano
Protesa
E forse una lacrima scesa 
Nel vento.
Fu solo un momento,
Poi lui sparì 
Al largo
E lei in casa cantando…
Neppure il sospetto
Che intanto 
Da sotto
La loro vendetta 
Ed il loro lamento! 
Perché poveretta
Già avevano in cuore
I muscoli tesi
Del bel pescatore,
E all’ennesimo 
Suo rifiuto
Un giorno fu punito! 
Ma io ti aspetterò…
Io ti aspetterò,
Fosse anche per cent’anni aspetterò…
Fosse anche per cent’anni!
E allora dal mare
Salirono insieme
Alle spiagge 
Di Vieste
Malvage 
Sirene…
Qualcuno le ha viste
Portare 
Nel fondo 
Cristalda in catene.
E quando 
Le urla
Raggiunsero il cielo,
Lui impazzì davvero 
Provando 
A salvarla,
Perché più non c’era…
E quell’ira 
Accecante
Lo fermò per sempre.
E così la gente
Lo ammira 
Da allora,
Gigante  
Di bianco calcare
Che aspetta tuttora 
Il suo amore
Rapito
E mai più tornato!
Ma io ti aspetterò…
Fosse anche per cent’anni aspetterò…
Fosse anche per cent’anni aspetterò…
Fosse anche per cent’anni!
Io ti aspetterò 
Fosse anche per cent’anni!
Si dice che adesso,
E non sia leggenda,
In un’alba 
D’agosto
La bella Cristalda
Risalga 
Dall’onda 
A vivere ancora 
Una storia 
Stupenda.

RENATA FONTE, LA NOSTRA EROINA

Renata Fonte è stata la nostra eroina durante gli anni ottanta, contro la speculazione di Porto Selvaggio.

Se oggi possiamo sorprenderci ammirando lo spettacolo di quella baia, lo dobbiamo esclusivamnete a Renata.

Uccisa la notte del 31 marzo 1984 a Nardò per la sua battaglia in difesa dell’ambiente, è tutt’ora l’unica donna amministratrice ad aver pagato con la vita il suo impegno civile.

La sua vicenda è raccontata nel film Una donna contro tutti – Renata Fonte, che andrà in onda Domenica 4 febbraio alle ore 21 su Canale 5.

La nostra eroina è stata interpretata da Cristiana Capotondi che la descrive cosi: “E’ una donna che percorre i tempi, ha una visione diversa e contemporanea del turismo. Pensa che i luoghi incontaminati e il mare pulito vadano difesi sempre e siano un investimento per il futuro.”

Grazie Renata.

SANT’ANTONIO E LA FOCARA DI NOVOLI

Sant’Antonio Abate e la focara di Novoli sono, da tempo lontano, un binomio indiscindibile.

La devozione dei novolesi per questo Santo affonda le sue radici dalla metà del ‘600 quando venne ufficializzato il culto per il “Santo del fuoco”.

Da allora il 17 gennaio fu dichiarato giorno festivo e la festa in onore del taumaturgo è cresciuta sempre più, tanto da diventare l’orgolgio della città.

La costruzione della focara inizia i primi di gennaio per concludersi a mezzogiorno della vigilia.

La pira è formata da fascine di tralci di vite recuperati dalla rimonda dei vigneti. Vengono poi accatastate con maestria da almeno 100 persone.

Mediamente per costruire la Focara di Novoli, che ha un diamentro di 20 metri per altrettanti di altezza, servono dalle 80.000 alle 90.000 fascine.

La festa ha il suo culmine il 16 gennaio alle ore 20:00 con l’accensione della Focara.

Per maggiori informaioni sul programma della festa:

https://www.facebook.com/fondfocara/